venerdì 18 marzo 2011

riflessioni di quasi primavera

(Helleborus niger - Rosa di Natale)

Anche se quest'anno sembra sia iniziato nel peggiore dei modi, guerre, terremoti e disastri nucleari, non disperiamo, là fuori la primavera incombe. 


Mandiamo un piccolo pensiero alle persone morte in questo ennesimo disastro e speriamo che le cose vadano per il meglio nella centrale nucleare, intanto meditiamo...

Nucleare si, nucleare no?
Quante sciocchezze. Perchè non riusciamo a convivere con la natura in reciproco rispetto?

Il nucleare non è e non potrà mai essere pulito e rispettoso dell'ambiente. Le scorie radioattive sono rifiuti che non si possono dimenticare, ogni centrale a modo suo inquina anche senza incidenti, l'unica vera soluzione sono le fonti di energia rinnovabili.

Quanti disastri ancora ci servono per cambiare il nostro modo di vivere?


E perchè dobbiamo produrre, comprare consumare e buttare?
Questo è il vero progresso?


1 commento:

Anonimo ha detto...

sacrosanto!!!!